placeholder placeholder


leggi la storia

leggi la storia



(Treviri, 334-339 incerto / Milano, 397) è considerato una delle massime personalità religiose del IV secolo. Proclamato nel 374 vescovo di Milano, città della quale è santo patrono e che ne conserva le spoglie nella splendida basilica a lui dedicata, fu grande predicatore e guida autorevole dell'episcopato dell'Italia del Nord (si ricorda in particolar modo la sua conversione e il battesimo di Sant'Agostino), avversario di eretici, pagani e dissidenti, nonché difensore del primato della Chiesa di Roma e più volte in contrasto col potere dell'imperatore.
Profondo conoscitore di temi biblici e teologici, Ambrogio fu autore di riforme fondamentali nel culto e nel canto sacro e di molte opere a carattere esegetico, dogmatico e teologico: è venerato come Padre della Chiesa e annoverato tra i massimi dottori della Chiesa d'Occidente, assieme a san Girolamo, sant'Agostino e san Gregorio I papa.
Uomo di grande carità, una volta acclamato vescovo adottò uno stile di vita ascetico, donando tutti i suoi averi ai poveri. «La terra è stata creata come un bene comune per tutti, per i ricchi e per i poveri: perché, o ricchi, vi arrogate un diritto esclusivo sul suolo? [...] Tu [ricco] non dai del tuo al povero [quando fai la carità], ma gli rendi il suo; infatti la proprietà comune, che è stata data in uso a tutti, tu solo la usi.»
(Naboth, 1,2; 12, 53)  





TUTTI I PRODOTTI PER “SANT'AMBROGIO”


Sant'Ambrogio