placeholder placeholder


leggi la storia

leggi la storia



Al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), Antonio è stato un religioso e presbitero portoghese appartenente all'ordine dei frati minori.
Primogenito di una famiglia benestante e aristocratica di Lisbona, nel 1210 il giovane Antonio entrò a far parte dei Canonici Regolari della Santa Croce per divenire poi frate francescano nel 1220, in seguito a una spedizione missionaria in Marocco, fortemente impressionato dal martirio di cinque frati. Viaggiò molto, vivendo prima in Portogallo e poi in Italia e in Francia. Nel 1221 si recò al Capitolo Generale ad Assisi, dove ebbe l'occasione di incontrare di persona san Francesco.
Dotato di grande umiltà ma anche di grande sapienza e cultura, viene ricordato nelle agiografie dell'epoca per la sua capacità nel far convivere grande rigore e dolcezza d'animo, nonché per le valenti doti di predicatore. Fu incaricato dell'insegnamento della teologia e inviato dallo stesso san Francesco a contrastare in Francia la diffusione del movimento eretico dei Catari. La sua intensa attività di predicatore antieretico gli valse il famoso appellativo di malleus hereticorum, ovvero “martello degli eretici".
Fu poi trasferito a Bologna e quindi a Padova, città di cui è patrono,  dove morì all'età di 36 anni. Rapidamente canonizzato, fu proclamato santo da papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato dottore della Chiesa nel 1946. Il suo culto è fra i più diffusi del cattolicesimo. «La verità genera odio; per questo alcuni, per non incorrere nell'odio degli ascoltatori, velano la bocca con il manto del silenzio. Se predicassero la verità, come verità stessa esige e la divina Scrittura apertamente impone, essi incorrerebbero nell'odio delle persone mondane, che finirebbero per estrometterli dai loro ambienti. Ma siccome camminano secondo la mentalità dei mondani, temono di scandalizzarli, mentre non si deve mai venir meno alla verità, neppure a costo di scandalo» (dai Sermoni).





TUTTI I PRODOTTI PER “SANT'ANTONIO”